Bouquet: intervista a Leilani Flower Art

Sono stati i miei primi partner in questo splendido mondo del Wedding e degli eventi. Con loro ho iniziato a muovere i primi passi, organizzando insieme laboratori a tema natalizio, primaverile e partecipando a prestigiose manifestazioni floro-vivaistiche nel nostro territorio. Oggi ad Elisa e Maurizio Panta, proprietari dello store Leilani Flower Art e specialisti in allestimenti floreali per matrimoni, voglio sottoporre alcune domande sul tema ‘Wedding Bouquet’.IMG_0532

Domanda: Ci sono delle regole da seguire per la realizzazione di un bouquet?

Risposta di Elisa: Certamente! Ci sono 5 canoni fondamentali di cui tener conto e  che sono, il Colore dei fiori, la Grandezza di essi, La Stagionalità e la disponibilità sul mercato, la Forma del bouquet e per finire i Nastri, colore e tipologia di questi ultimi.eae31396-f349-4b30-9467-97569e9822f8

D: La stagionalità … tema molto importante

R/Maurizio: Si, e a volte difficile da far comprendere alle Spose! Ci sono fiori bellissimi e molto adatti per bellezza e significato nel linguaggio dei fiori. Metti la Peonia, che parla di amore, affetto e prosperità quindi perfetta per il matrimonio. Fiore pregiato e costoso di suo, che sboccia nei mesi di maggio e di giugno: chiaramente il suo costo lieviterà nei restanti mesi dell’anno, è una legge di mercato che molte stentano a comprendere.8f273faf-424a-438b-aa49-cd7d212f391f

D: Fiori Evergreen?

R/Elisa. La calla è un fiore che dona eleganza senza tempo alla cerimonia. Le rose sono senza dubbio le preferite dalle Spose: ne esistono infinite varietà declinate in mille varianti di colori, il che ci permette di utilizzarle in ogni periodo dell’anno e in qualsiasi tema o stile di matrimonio. In fatto di Bouquet, suggerisco di sdrammatizzare il classico ‘solo rose’ con l’aggiunta di foglioline di eucalipto e piccole roselline bianche, così da renderlo più trendy.fullsizeoutput_7114

D: Lupus in fabula … Tendenza 2020

R/Maurizio: Il 2020 sarà un anno rivoluzionario per il look delle cerimonie importanti. Ritorno alla natura, colori tenui, tessuti grezzi e verde, molti elementi verdi in tutte le sue forme e tonalità a farla da padrone.94059e40-6157-46d8-8616-01d8638b3195

D: In e Out nel 2020?

R/Elisa: diciamo addio allo scintillio di glitter e cristalli che lasceranno il posto a rafia, edere, spighe di grano e prodotti il più naturali possibile.dc44f23a-a7c5-48f7-9018-3e6938b29216

Grazie miei cari Elisa e Maurizio, come sempre esaustivi e professionali. Le spose saranno sicuramente felici delle vostre dritte da seguire e, se non vorranno impegnarsi troppo, possono sempre contattarmi, sarò veramente felice di accompagnarle da voi!

 

7 consigli per chi si sposa in Estate

E’ ormai la stagione preferita per sposarsi, ha surclassato il mitico ‘Maggio mese delle spose’ di antica memoria ma, l’estate, amiche care, seppur grande alleata dei matrimoni outdoor in villa di gran moda, può rivelare qualche insidia.

fullsizeoutput_6fcb

Per questo una manciata di buoni consigli, non può che esservi d’aiuto.

1 – Scegliete una favolosa location con un bel giardino, meglio se con uno specchio d’acqua molto scenografico per aperitivi ad alto valore fotografico, il top se a favore di tramonto MA … che abbia all’occorrenza un piano B (leggi programma di emergenza in caso di pioggia/vento forte) solido e all’altezza dei vostri sogni ossia altrettanti posti al coperto in un ambiente gradevole e confortevole.

 

2 – Prendete in prestito dalla tradizione anglosassone l’invio di un ‘SAVE THE DATE’ non appena decisa la data delle nozze ai vostri invitati. L’estate è stagione di vacanze e spostamenti anche frequenti. Assicuratevi la loro partecipazione con largo anticipo con un piccolo messaggio, meglio se graficamente coordinato all’evento, inviato per email o ancor più velocemente tramite whatapp!fullsizeoutput_6fbf

3 – Fiori in estate: è vero che la stagione si presta molto a lussureggianti allestimenti floreali ma, se vi sposate a fine luglio/agosto, abbiate cura di confrontarvi con una fiorista esperta e professionale sulla stagionalità di essi.  Non tutti i fiori che avete in mente sono sempre reperibili e/o possono tenere le temperature torride di una intera giornata al sole. Lasciatevi quindi consigliare e non incaponitevi con un fiore introvabile in questa stagione: la fiorista saprà sicuramente accontentarvi trovando una alternativa altrettanto bella e di sicura tenuta.

4 – Un consiglio assai importante per quel che riguarda gli abiti degli sposi, in particolare della sposa: prediligete tessuti naturali e leggeri, linee morbide, accostate ma non troppo attillate e, se nel vostro matrimonio è prevista una cerimonia religiosa, non dimenticate una seppur eterea copertura per scollo e spalle, l’eleganza ne gioverà. Per gli uomini ahimè c’è poco da fare: il classico abito non è certo a prova di caldo ma, se si volesse osare un pò, da oltre oceano arrivano ventate di novità con sposi in abiti alternativi e senza giacca, meno eleganti si, ma altrettanto belli.

5 – Parliamo di bellezza: … idratate per bene la vostra pelle, sarà esposta al sole per un numero elevato di ore e deve rimanere fresca come porcellana per foto da copertina fino a notte fonda. Ergo utilizzate sul viso polveri anziché creme, matite e tinte al posto del vostro rossetto preferito, il tutto a prova di lunga tenuta. In ambito acconciature prediligete un raccolto, meglio se morbido come tendenza vuole nel 2020: ne gioveranno sia lo stile che il vostro benessere.

6 – Prima della cerimonia, se in giornata veramente caldissima, abbiate cure di offrire un piccolo refresh di acque, meglio se aromatizzate agli ospiti accaldati in arrivo da riproporre a fine rito in aggiunta a rinfrescanti bevande analcoliche.

7 –   Il cibo del vostro ricevimento: prediligete un menù con pietanze leggere e digeribili, scendete a compromessi con la tradizione eliminando sia in calorie che in portate che, si sa, in alcune regioni italiane stentano ancora a diminuire. Evitate di costringere gli ospiti a lunghe e snervanti permanenze a tavola.  Assicuratevi poi che le bevande vengano poste in zona a favore d’ombra sui buffet e a tavola, acque e vini bianchi serviti ben freddi e i rossi a giusta temperatura: la temperatura ambiente si sa, non va d’accordo coi rossi in estate, a meno che non vogliate servire vin brulé!

Mi pare tutto, si dai … Spose d’estate, avete tempo per organizzarvi e se avete ancora bisogno d’aiuto non esitate a contattarmi, mi raccomando: email sandracolamedici@gmail.com o al tel. 3394721430.

 

 

 

 

 

Tendenze acconciature Sposa 2020

Voglio iniziare in bellezza questo 2020 occupandomi delle Tendenze Acconciature Sposa

0-5

E quale miglior voce ascoltare a proposito, se non una tra le più autorevoli MUA & Hairs Stylist di Roma quale è Giorgia Bertoldi, affermata professionista da tempo al fianco delle Wedding Planner Top della Capitale?

Raggiunta in questa fredda mattinata di gennaio all’Accademia Altieri, dove sta tenendo un corso di make up, Giorgia non si è sottratta alle mie domande alle quali anzi ha prontamente risposto.

0-4

D:   Buongiorno, innanzi tutto, per sgombrare il campo, con quanto tempo di anticipo una Sposa si deve prenotare per avere un tuo servizio?

Giorgia: diciamo che sembra un’esagerazione ma, attualmente, la mia agenda è completamente full per il 2020 se non per qualche giorno infrasettimanale … quindi consiglio alle spose che vorranno avvalersi del mio servizio di prenotarsi almeno con un anno di anticipo!

D: complimenti: tantissimo lavoro, che dire: la professionalità paga! Tornando a noi Spose: la ‘testa’ segue l’abito scelto per il grande giorno?

0

Giorgia: assolutamente si, l’armonia totale prima di tutto. Lo stile dell’acconciatura deve sempre essere in linea con quello dell’abito, del bouquet e di tutto ciò che la Sposa indosserà quel giorno e del matrimonio stesso. E’ soprattutto la scollatura dell’abito però che ci guiderà nella scelta: un abito scollato sulla schiena ci permetterà di lasciare sciolti i capelli sulle spalle o morbidamente legati in un treccia mentre l’abito tatoo o con scollo all’americana ci obbliga ad una acconciatura di capelli raccolti.

D: Tendenza 2020 liscio o mosso?

Giorgia: Mosso, la parola d’ordine è comunque morbidezza. E l’effetto ‘onda’ è sempre molto richiesto dalle mie Spose, anche nei capelli raccolti.

D: Tendenza 2020 sciolto o raccolto?

Giorgia: La tendenza 2020 è assolutamente a favore del raccolto morbido, sia basso che alto, ancora di gran moda. Stanno sparendo le trecce ma iniziano a vedersi capelli lisci raccolti in modo sublime con torchon aperti.

0

D: Cosa invece vedremo di nuovo in anno?

Giorgia: La nuove tendenze 2020 fanno richiamo ai nuovi stili che la Russia sta dettando: acconciature raccolte principalmente, sia basse, a mio giudizio le più eleganti che alte, comunque considerate un evergeen.

 

Quindi, Spose 2020 … con un occhio alla Madre Russia e con la testa piena si onde mosse apprestatevi a vivere questa stagione ed il vostro giorno più bello.

Grazie ancora a Giorgia Bertoldi per il prezioso contributo e voi tutti, seguitemi anche sul mio sito sandracolamedici.it e se avete bisogno contattatemi al 339.4721430: accorrerò prontamente!

 

Viaggio in Sardegna: alla scoperta del Marghine

Chi mi conosce sa che amo molto questa Isola, terra di origine di mio marito. Sa del mio amore per Onifai, grazioso borgo in provincia di Nuoro dove abbiamo una casetta nel cuore del paese e dove, ogni estate e ogni volta che possiamo, scappiamo in cerca di pace e tranquillità.

Complici dei nuovi ‘visionari’ amici sardi, abbiamo appena trascorso una vacanza di Pasqua alla scoperta di sapori e luoghi veri e quasi incontaminati nell’entroterra sardo, con un approfondimento nel Marghine, porzione di territorio della Sardegna centro-occidentale, comprendente tra gli altri, i paesi di Macomer, Bolotana, Bortigali e Lei.

Cuore pulsante di questa zona è la foresta incantata di Badde Salighes dove si erge Villa Piercy, ottocentesca dimora dell’ingegnere inglese, gallese per la precisione, che progettò le linee ferroviarie sarde e che si innamorò di questa affascinante terra, tanto da viverci con la sua famiglia.

L’austera villa è sita all’interno di un bosco millenario formato da piante sia autoctone che esotiche: salici, tassi millenari, lecci, agrifogli, aceri e quant’altro si intrecciano per dar vita ad un ambiente di rara bellezza e pace; luogo che può essere lo scenario perfetto per un matrimonio Autentico Sardo, pensato per chi ha voglia di rompere i soliti schemi, celebrare il proprio matrimonio nei pressi del ‘Tunnel dell’Amore’ galleria vegetale dove leggenda vuole che chi passa sotto si amerà in eterno, e vivere nella natura una vera esperienza sarda, trascorrendo insieme ai propri ospiti indimenticabili giorni fuori dal tempo.

Io ne sono rimasta molto affascinata e l’entusiasmo dei volontari che si stanno occupando della tutela e della promozione del posto è stato veramente contagioso, tanto da farmi pensare con convinzione che, sì, qui si possono organizzare matrimoni unici!

Per cui … vi invito a visitare il sito ‘cuoredisardegna.baddesalighes.it’, le relative pagine sui social Instagram e Facebook e di farvi un’idea di tanta bellezza.

E poi chiamatemi, saprò darvi tutte le informazioni di cui avrete bisogno per aiutarvi ad organizzare e vivere un matrimonio immersi nella natura della Sardegna più autentica.

 

 

Wedding Trends: bianco e verde, un assoluto evergreen ai Castelli Romani

Ho avuto modo di collaborare con la solare Giada dell’hotel verdeborgo per proporre alla clientela del ristorante della struttura, le diverse possibilità di allestimenti e mise en place che potranno rendere unici i loro eventi,  siano essi comunioni, cresime, feste di compleanno e matrimoni.

Iniziamo col dire che la struttura è veramente bella e di gran fascino: questa costruzione appena fuori del centro abitato di Grottaferrata , adagiata sulle colline dei famosi Castelli Romani dove solevano villeggiare i Signori di inizio secolo scorso, ha grandi potenzialità.

1687e98c-c00e-43ea-9d2f-12d70e34345b

Abbiamo iniziato a proporre il classico stile ‘Cavallino in Villa’ utilizzando tovagliati e porcellane bianche, abbinate alle trasparenze dei bicchieri in uso normalmente al ristorante, con l’aggiunta di un etereo sottopiatto in vetro.

La tavola è stata impreziosita da vasi di vetro trasparente e un allestimento floreale costituito di verde, naturale ruscus , bianche fresie profumatissime e meravigliosi ranuncoli candidi il cui cuore virava al verde.

Risultato: semplice, classico ma di grande impatto visivo!

Vi piace? Allora sappiate che insieme a Giada vi aspettiamo per realizzare l’evento che sognate da tempo.

Real event: la raffinata festa in casa di Daniela

Potremmo sottotitolare così: corsi e ricorsi della Storia … e del Costume!

Confrontiamoci oggi sul significato di una festa, in modo particolare di un compleanno importante, di quelli belli ‘tondi’ che si amano ricordare poi nel tempo.

Per me una Festa con la maiuscola deve, anche nel caso si abbiano tanti ospiti, rimanere comunque ‘intima’.

E’ in uso invece da tempo evadere dai propri spazi, cercare una location che pensi a tutto sollevandoci da ogni incombenza e festeggiare così, senza pensiero organizzativo alcuno.

Vi racconto invece di una moda ‘di ritorno’ che è quella di ricevere gli ospiti in casa, tra le mura che raccontano la nostra storia, dove giri a completo tuo agio, e dove le cose che han fatto la Storia della tua famiglia sono a narrare il tempo che si è dipanato dalla tua nascita ad oggi.

Una casa grande o piccola che sia, può sicuramente accogliere in maniera calorosa ed avvolgente i tuoi amici e parenti, le tue stoviglierie anche se spaiate e ‘agè’ susciteranno il ricordo di qualche ospite, i bicchieri dei servizi della nonna ti faranno tornare in mente piacevoli pranzi di famiglia e finalmente potrai utilizzare i tovagliati che la mamma ti ha dato in dote!

Vogliamo parlare poi della scelta ecologica ed economica che ne consegue?

Nessun affitto di location, il personale di servizio costerà sempre meno del costo d’acquisto o di noleggio di posate e tovaglie e l’Ambiente ve ne sarà grato per non aver usato carta o plastica.

Un modo diverso e davvero Unico, perché nessuno mai potrà avere la stessa atmosfera, lo stesso stile e la stessa mise en place o allestimento della vostra festa!

Questa la scelta di Daniela che per i suoi incredibili 70anni, voleva una festa da sentirsi veramente ‘sua’ e che io ho coadiuvato nell’organizzazione: un vago tema Tango, tante rose, il suo fiore preferito, amici e familiari a festeggiarla, un duo Jazz e molta allegria.

Dal suo sguardo, credo siamo riuscite nell’intento … voi cosa ne pensate?

 

Spring floral arrangements

Uno dei dettagli più affascinanti e che ha dato carattere ed eleganza al mio ultimo evento è stata la composizione floreale posizionata al centro del tavolo di benvenuto dove sono stati serviti cocktail & drinks.

367591e7-4392-4c86-8ab6-73331026f4d4.JPG

 

Un tavolo minimal che ospitava calici e bicchieri in cristallo posizionati per l’aperitivo iniziale, per accogliere e far sentire a proprio agio gli invitati durante il loro arrivo alla festa.

0d5880c9-3475-403e-95ed-9dfb404bfb8e.JPG

La composizione floreale da me scelta è stato un mix di frutta e fiori dai colori accesi composta da mele e limoni verdi, tulipani viola e gradi fiori di orchidee bianche accompagnati da una base di foglie verdi per dare movimento, il tutto adagiato su un vaso dalla forma lunga ed affusolata in legno bianco con grandi venature a vista quasi a ricordare le canoe ed imbarcazioni di paesi esotici, si perchè la composizione realizzata rimanda all’esoticità, ai paesi caldi, non tanto per la provenienza della vegetazione in essa presente, ma da ciò che il risultato finale emana, vivacità, colore, profumi aspri e pungenti delle mele e dei limoni , mixati ad odori delicati ed avvolgenti dei tulipani e delle orchidee, accostamenti che trasmettono all’osservatore sensazioni di allegria ed armonia.

 

 

Molto spesso basta poco per rendere un tavolo ricco ed originale, sopratutto se non accoglie particolari mise en place composte da tovagliati, cristallerie e ceramiche che lo esaltino.

Il mio consiglio è quello di personalizzare le proprie tavole, che esse siano di uso familiare o dedicate a feste ed eventi più formali, con dettagli che colpiscano l’osservatore, che essi siano profumi, colori o forme …regalando piacevoli emozioni sensoriali.

s7

50 th year Birthday … Special Sunday in family

Festeggiare eventi importanti e rendere tutto perfetto ed impeccabile è ciò che più mi gratifica dal punto di vista professionale, ma quando l’organizzazione dell’evento riguarda uno dei miei familiari, in particolare mio marito vengo travolta da un turbinio di emozioni e sensazioni che vorrei trasformare in elementi concreti da poter condividere anche con il resto della famiglia… e quale miglior modo per esprimerlo, se non con un allestimento ad hoc!

50 anni… un po’ come festeggiare i 18, ma con la consapevolezza di essere maturi e di aver vissuto una vita piena di esperienze ed emozioni e pronti per viverne altrettante con entusiasmo e spensieratezza.

L’evento che ha avuto luogo nel loft della nostra abitazione di campagna si è celebrato per pranzo durante una  splendida domenica invernale, le ampie vetrate ci hanno permesso di godere a pieno della natura circostante, ed io ho voluto riportare un pò di quella natura anche dentro la nostra sala, ricreando rigogliosi centritavola ricchi di fiori e colori.

Il concept che ho studiato per gli allestimenti si basava sulla suddivisione di tavoli che avrebbero ospitato i familiari in base alla loro età e grado di parentela.

I tavoli erano 4 e ad ognuno apparteneva uno stile ed una caratteristica diversa dagli altri…. Il tavolo delle “Ragazze” , il tavolo dei “Nipoti”, il tavolo dei “Fratelli” ed il tavolo dei “Genitori”, con l’aggiunta di un ulteriore corner, che ospitava un rigoglioso centrotavola, adibito al cocktail di benvenuto e divani e pouf per rilassare e far sentire gli ospiti ancora più in famiglia prima e dopo il pranzo.

Per accogliere i genitori ho pensato ad un colore elegante che riconducesse a ciò che rappresenta la famiglia, il blu…nelle sue declinazioni, colore che rappresenta l’immenso  e l’infinito, la serenità del calore familiare, posate d’argento e sottopiatti in vetro blu, con tovagliati tramandati dalle nostre famiglie, per aggiungere storia e tradizione che rievocassero pranzi e banchetti trascorsi in passato.

Per il tavolo dei fratelli invece una lunga tavola ha accolto elementi che andavano dal color salmone passando all’ arancio delle sterlizie del centrotavola, concludendosi con i toni forti e decisi dei melograni, il tutto appoggiato in un morbido cuscino di fogliame verde che rendesse il risultato finale armonico.

Sottopiatti ricavati da sezioni di tronchi lasciati nei loro toni naturali e cristalleria rigorosamente trasparente con bordature dorate, per impreziosire e donare luce e riflessi.

I nipoti erano seduti attorno ad un vecchio tavolo anni 60, mantenuto in ottimo stato al quale io sono molto affezionata, il quale non ho voluto coprire con i tovagliati per creare contrasto tra il piano verde del tavolo e la mise en place, nei toni del bianco e nero costituita da piatti in ceramica bianca di forma quadrata, calici e bicchieri in vetro nero trasparente con posate e segnaposti in tono, il tutto arricchito da un grande vaso vintage nero dal quale sporgevano grandi rami di orchidea bianca …. Un tavolo creato apposta per i giovani nipoti, audace, rock, ammorbidito da fiori romantici, con un richiamo (quello del tavolo stesso) al passato e quindi alle radici.

Ed infine, il tavolo delle ragazze….posizionato alle spalle della porta principale del loft, costantemente illuminato dalla luce del sole.

Colorato, luminoso, frizzante e simpatico… .un tavolo informale dove i bicchieri avevano colori differenti ed i piatti, erano caratterizzati da colori e decorazioni totalmente differenti l’uno dall’altro, una sorta di tour nella nostra tradizione Ceramica, facente parte di una mia collezione privata a cui sono particolarmente affezionata. Anche qui grande protagonista il centrotavola che alloggiato in una cassetta di vino dava carattere e tema all’intera tavola, simbolo di giovinezza, femmilità sempre con un pensiero alle nostre tradizioni…

Una grande festa dove ogni mise en place evocava un ricordo ben preciso ed ogni elemento esaltava il festeggiato e gli invitati rendendo l’evento impeccabile e di stile. La scelta accurata dei materiali e dei dettagli, come i nastri personalizzati ad opera di “Parole di Tessuto”, sono stati quel plus che ha donato alla mise en place carattere ed originalità.

 

Flower by Leilani flower Art

Personal Chef Maura Pierangelini

Nastri personalizzati by Parole di Tessuto

Stampa e grafica by Tecnoprint

Photo by 3d Visual Design Studio

La Borgogna e le sue mille sfumature

Quando si pensa ad un viaggio particolare spesso la mente vola subito su mete esotiche ed inconsuete… ciò che si tende a tralasciare è l’incantevolezza di alcuni luoghi anche piuttosto vicini, che promettono di regalarci esperienze indimenticabili.

In questa settimana ricca di spunti tratti dai miei recenti viaggi, vi parlerò di una zona d’oltrealpe ricca di storia e di tradizione, location di charme e dall’indiscussa eleganza in cui trascorrere una luna di miele romantica che appagherà tutti i cinque i sensi: la Borgogna.

Questa regione francese affascina per la storicità delle sue origini, per il grande patrimonio artistico ed enogastronomico che l’hanno resa famosa nel Mondo ed è per tali ragioni, la meta perfetta per ritagliarsi una fuga dalla routine, e calarsi nelle tipiche atmosfere francesi, pregne di profumi, sapori e meraviglie da visitare.

Varie sono le Strade dei Vini fra cui si può scegliere per andare alla scoperta di storiche cantine e pregiate annate, innumerevoli i vigneti da fotografare ed apprezzare in tutta la loro maestosa capillarità… e sicuramente da non perdere le degustazioni offerte dalle eccellenze gastronomiche che hanno reso la Borgogna famosa oltre confine.

A tal proposito, non posso non far cenno ad un connubio perfetto tra ospitalità e cucina gourmet, citandovi Maison Lamelois che ci ha accolto con calore nelle sue stanze dal tipico stile francese, dotate di set di cortesia di pregio e piacevolissime delicatessen per gli ospiti, ovviamente il tutto coniugato alla fondamentale presenza del Ristorante 3 stelle Michelin dove lo Chef Eric Pras vi lascerà a bocca aperta…

Ginevra: Small Luxury experience

Non tutti conoscono gli Small Luxury Hotel, un brand di affiliazione internazionale che raccoglie alcuni dei più lussuosi piccoli hotel e resort indipendenti nel mondo. 

Spesso come meta di nozze o in ricorrenza di un anniversario importante ci si focalizza sulle grandi catene alberghiere… non sempre queste strutture si rivelano però accoglienti.

Nel mio ultimo viaggio sono stata ospite dello SLH di Ginevra… semplicemente meraviglioso!

 

Una bomboniera in cui design e accoglienza hanno trovato il giusto connubio. Alle proposte dello Chef va una nota di merito che non può che trasmettermi la voglia di consigliarvelo e parlarvene in dettaglio!

 

Gli Small Luxury Hotel nascono come strutture di charme e di atmosfera ma in formato boutique. Per i fans del “piccolo è bello”, gli hotel slh riescono a curare nei minimi dettagli dalla location alla customer experience, dal menù ai servizi a valore aggiunto.

 

Gli slh accontentano ogni aspettativa di vacanza, dalla struttura in riva al mare, allo chalet fra le nevi, dalla dimora d’epoca cittadina al Relais in campagna. 

Le strutture affiliate fra cui scegliere sono 520 in oltre 70 paesi… non vi resta che consultare il loro sito e pianificare il vostro viaggio 🧳